Oltre i Limiti della Paura

 

 

"Siamo legati con vincoli invisibili ai nostri timori.
Siamo il burattino e il burattinaio,
vittime delle nostre aspettattive:"
G. S. Rawlings

La paura come patologia è un mostro da noi inventato dal quale siamo poi spaventati e perseguitati,  pertanto come non esistono limiti alla nostra fantasia non esistono limiti alla nostra capacità di inventarci paure; tuttavia, proprio in quanto nostra costruzione la paura patologica può essere destrutturata.

In forma metaforica, se nella mia mente io evoco un fantasma e poi scappo, questo mi inseguirà spaventandomi a morte; ma, se dopo averlo evocato non fuggo, ma lo tocco, questo svanirà.

In questo libro, brillante e di piacevole lettura, Giorgio Nardone guida il lettore in un viaggio alla scoperta di quella "nota sconosciuta" che è la "paura patologica" nelle sue variegate forme.

Tuttavia l’autore non si limita in questo testo a illustrare le caratteristiche di tali patologie, bensì espone in modo chiaro e accessibile le più efficaci e validate metodiche terapeutiche, il tutto mediante illuminanti esempi, metafore, racconti e storie di reali terapie. Lo scopo di questo testo è quello di chiarire al grande pubblico quali sono le forme di paura patologica, come si formano, come si mantengono e come possano essere risolte in tempi brevi.

ISBN 88-17-86486-2

Aforismi Terapeutici
'Mentre perseguiamo l'irraggiungibile, rendiamo impossibile l'attuabile'
R. Ardrey
'Il vero mistero non è l'invisibile, ma ciò che si vede'
Oscar Wilde
'Tutto ciò che è assoluto appartiene alla patologia'
F. Nietzsche
' E' con le migliori intenzioni che il più delle volte si ottengono gli effetti peggiori'
Oscar Wilde
'I nostri limiti sono quelli che ci autoimponiamo'
Giorgio Nardone
Cambiare Occhi Toccare il Cuore
di Giorgio Nardone
"L'aforisma può essere ritenuto una vera e propria tecnica strategica (...) Come nelle più raffinate forme di arti marziali, il maestro non utilizza tanti colpi, ma uno solo preciso che faccia leva su uno specifico punto di pressione che, una volta toccato in maniera adeguata, faccia crollare l’avversario"